Progressi tecnologici israeliani per combattere il cambiamento climatico globale

Progressi tecnologici israeliani per combattere il cambiamento climatico globale

Le ondate di caldo e le tempeste record del 2020 confermano ciò che gli scienziati hanno previsto da tempo: il cambiamento climatico è reale e rappresenta una minaccia per l’intero pianeta.

Essendo la scarsità d’acqua una delle principali preoccupazioni per il futuro, è fondamentale disporre di soluzioni tecnologiche convenienti per l’acqua potabile pulita e di mezzi per rimuovere gli inquinanti dalle fonti idriche esistenti.

La scena CleanTech israeliana propone diverse soluzioni; H2Pro, Watergen e Aqwise per citarne solo alcune.

Idrogeno.

Quando l’idrogeno viene bruciato e convertito in elettricità utilizzando una cella a combustibile, l’unico sottoprodotto del processo è l’acqua. Non ci sono emissioni distruttive di Co2 e un chilogrammo di idrogeno ha tanta energia quanto un gallone di benzina. Questo rende l’idrogeno il sostituto ideale dei combustibili fossili e la lotta al cambiamento climatico.

Nonostante l’idrogeno sia abbondante nella maggior parte degli elementi sulla terra, quasi tutto l’idrogeno si trova in molecole dove è spesso inaccessibile, prevalentemente sotto forma di acqua e altri composti organici. Il modo più comune per estrarre l’idrogeno è dal gas naturale, tuttavia questo processo comporta il rilascio di grandi quantità di anidride carbonica. L’approccio meno inquinante consiste nel dividere l’acqua in ossigeno e idrogeno utilizzando l’elettrolisi, tuttavia questo metodo non è efficiente dal punto di vista energetico.

Un’azienda israeliana, H2Pro, ha un’idea migliore. Sostenuto dalla Breakthrough Energy Venture (BEV) di Bill Gates. Il sistema E-TAC (chimica elettrochimica attivata termicamente) di H2Pro genera idrogeno e ossigeno in due processi separati che riducono significativamente sia i costi che l’inquinamento, giocando un ruolo rivoluzionario nella riduzione delle emissioni inquinanti dei veicoli e nella produzione pulita di materiali e prodotti chimici, riscaldamento e stoccaggio di energia rinnovabile.

La società ha annunciato un round di finanziamento di 22 milioni di dollari, guidato da BEV, istituito dal fondatore di Microsoft e rinomato filantropo per investire in tecnologie chiave per la transizione energetica, nonché su Sumitomo Corporation. È stata anche nominata da Royal Dutch Shell come la “Migliore azienda nella pista Scale-Up” nella sua competizione New Energy Challenge.

A differenza di altre tecnologie, il sistema E-TAC di H2Pro utilizza l’elettricità per dividere l’acqua in idrogeno e ossigeno. Ciò elimina la necessità di una membrana costosa, consente una costruzione semplice e riduce significativamente il consumo energetico necessario per la conversazione, rispetto all’elettrolisi.

 

L’ecosistema di start-up CleanTech e GreenTech di Israele utilizza tecnologie all’avanguardia per promuovere e far progredire decisioni e processi di produzione rispettosi dell’ambiente ed ecologicamente responsabili.

Con quasi 10 miliardi di dollari investiti in aziende tecnologiche israeliane private nel 2020, un aumento del 27% rispetto al 2019, esperti del settore come Guy Holtzman, CEO di IVC Research Center, affermano che le aziende CleanTech israeliane “continueranno a essere una fonte di attrazione per i principali player internazionali, finanziari e strategici”.

Mentre H2Pro apre la strada all’energia dell’idrogeno, ci sono molte altre aziende israeliane da tenere d’occhio nello spazio CleanTech.

Con il 97% delle riserve idriche mondiali costituito da acqua salata e la maggior parte del restante 3% di acqua dolce intrappolata nelle calotte glaciali e nei ghiacciai congelati, è imminente una carenza di acqua dolce.

La società israeliana Aqwise ha sviluppato un modo innovativo per pulire l’acqua dagli inquinanti. La loro tecnologia funziona trattando l’acqua con batteri che si nutrono di quegli inquinanti, creando così una relazione complementare. Il batterio si espone all’acqua degli inquinanti e li “mangia”, rimuovendo contemporaneamente eventuali impurità dall’acqua.

Inoltre, la tecnologia WaterGen crea acqua potabile pulita dal nulla. Watergen era inizialmente una start-up concepita per fornire acqua facilmente accessibile e sicura ai militari di tutto il mondo. Da allora, Watergen ha affrontato una vasta gamma di problemi di scarsità d’acqua, nei paesi in via di sviluppo e in seguito a disastri naturali. Attualmente lavorano sia con Ford Motors che con World Vision.

La continua crescita e la rapida industrializzazione dell’economia globale, insieme alla necessità di fornire energia per alimentare sia le nostre vite che l’economia, ci pongono a un bivio. La combustione di combustibili fossili, inquinando l’aria con emissioni di carbonio, è il principale responsabile del cambiamento climatico, dell’innalzamento del livello del mare e di un numero crescente di disastri naturali.

Con la sua economia avanzata basata su ricerca e sviluppo competitivi insieme alla cultura dell’innovazione israeliana, l’industria tecnologica israeliana è in prima linea nel cambiamento e offre uno sguardo verso un futuro migliore e più sostenibile.

 

2021-07-15T11:06:22+00:00July 15th, 2021|Uncategorized|0 Comments