Startup emergenti israeliane che stanno ridefinendo il food tech globale

Startup emergenti israeliane che stanno ridefinendo il food tech globale

Quando si parla di cibo, la tecnologia non è la prima cosa che ci viene sempre in mente. Tuttavia, nel corso degli anni, l’industria alimentare mondiale ha subito una significativa trasformazione in termini di tecniche di lavorazione, produzione e conservazione di vari prodotti alimentari.

Ora, la tecnologia alimentare consiste nel riempire il piatto con alternative più economiche, più sicure e più fresche che siano rispettose dell’ambiente e relativamente più nutrienti. Nel 2021, l’industria della tecnologia alimentare si diletta in gran parte in proteine ​​alternative, nanotecnologia, microbiologia, ingegneria dei tessuti, ecc.

Data la padronanza di Israele nell’innovazione e la competenza tecnologica, non sorprende che gli investitori di tutto il mondo stiano ora prestando attenzione alle rivoluzionarie startup israeliane nel settore alimentare che stanno lentamente ma inesorabilmente trasformando questo settore da miliardi di dollari.

Ad esempio, startup come Amai Proteins mirano a sostituire lo zucchero con proteine ​​più sane e dolci. Amai, che significa dolce in giapponese, crede che l’obiettivo dovrebbe essere la cura del cibo che mangiamo piuttosto che le varie malattie da esso causate. Questa azienda prende le proteine ​​dolci che si trovano lungo la fascia equatoriale e utilizza la fermentazione insieme all’Agile Integrative Computational Protein Design (AI-CPD) per produrre proteine ​​adatte ai mercati alimentari di massa.

Poi abbiamo Future Meat Technologies che produce carne coltivata in laboratorio. Questa azienda si concentra sulla tecnologia della carne coltivata sostenibile in cui ha completamente rimosso la necessità di uccidere polli, maiali o agnelli per la loro carne e si è invece concentrata sulla creazione di linee di cellule animali sane che sono prive di OGM e crescono senza alcuna modifica genetica. Future Meat Technologies adotta una soluzione economica incentrata sull’agricoltura cellulare, che non è solo sostenibile ma anche scalabile in base alla progettazione.

Ukko, una startup biotecnologica israeliana, ha la missione unica di migliorare la vita delle persone combattendo le allergie e le sensibilità alimentari. Lo fanno progettando proteine ​​che non innescano una risposta immunitaria avversa tra le persone dopo il consumo. La tecnologia di Ukko utilizza i campioni di vari pazienti insieme all’apprendimento automatico per creare proteine ​​superiori con proprietà migliorate che possono essere utilizzate in diversi prodotti alimentari senza causare una reazione negativa.

La startup israeliana Remilk offre prodotti lattiero-caseari senza animali ma compromettere la consistenza e il gusto. Questa azienda si avvale del processo di fermentazione microbica, dove riproducono proteine ​​del latte identiche al latte vaccino. Remilk sta sviluppando alternative al latte più sane e sicure senza lattosio, colesterolo, ormoni e l’uso di mucche!

Parlando di prodotti alternativi, ZeroEgg è un’altra startup israeliana che ha dimostrato di essere un importante punto di svolta nella categoria delle uova. ZeroEgg sviluppa ovoprodotti a base vegetale attraverso una combinazione di proteine ​​vegetali sane e sostenibili come soia, ceci, patate, ecc., che si sentono e hanno il sapore di un vero uovo. Inoltre, forniscono questa alternativa in forma liquida e in polvere, che può essere utilizzata come sostituto in varie ricette come maionese, omelette, torte e biscotti.

Sebbene queste siano solo una goccia nell’oceano delle startup israeliane che si occupano delle tecnologie alimentari, è abbastanza chiaro che con innovazioni come queste, Israele ha già aperto la strada alla trasformazione dell’industria alimentare.

2021-08-06T13:50:04+00:00August 6th, 2021|general|0 Comments